Sistema di controllo per la qualità dell’aria

Sistema di controllo per la qualità dell’aria

Postazioni meteo e per il rilevamento del traffico consentiranno di monitorare e valutare la qualità dell’aria.
È stato previsto per questo un software in grado di stimare l’impatto atmosferico legato al traffico stradale e ad altre sorgenti di inquinanti.

Organizzazione del sistema di controllo

Il software modellistico gestirà i rilevamenti provenienti da almeno una stazione meteorologica, i campi meteorologici sinottici forniti da un servizio meteorologico regionale, nazionale o internazionale, una stazione di rilevamento della qualità dell’aria, dieci sezioni di rilevamento del traffico.

Il sistema sarà in grado di trattare la velocità e la direzione del vento, la temperatura dell’aria, la radiazione globale e netta, la precipitazione.

Il sistema di controllo proposto dovrà:

distribuire il traffico sull’intera rete stradale a partire dai volumi osservati presso le postazioni di rilevamento;
determinare la pressione ambientale attraverso la stima delle emissioni inquinanti atmosferiche;
simulare dinamicamente ed in modo tridimensionale il trasporto e la diffusione degli inquinanti in atmosfera;
integrare l’informazione emissiva con altre sorgenti (in numero limitato), per completare l’input emissivo locale;

Il software potrà:

  • generare una modellistica atmosferica completamente tridimensionale;
  • trattare sorgenti puntuali, lineari e areali;
  • trattare solo inquinanti inerti;

Modalità operative minime:

  • “tempo reale” – per la supervisione continua dell’evoluzione di particolari fenomeni di traffico (ora di punta, congestione, lavori) e l’eventuale adozione di misure correttive (es. cambio del piano dei cicli semaforici, deviazione temporanea dei veicoli verso parti della rete meno cariche, chiusura di strade o stazioni di trasporto pubblico);
  • “storica” – per la stima dei parametri annuali confrontabili con i limiti di legge.

I risultati si otterranno grazie ai dati raccolti attraverso le postazioni di rilevamento del traffico e le postazioni meteo. I moduli modellistici (traffico, emissioni da traffico, meteorologia e dispersione) dovranno essere corredati da documentazione scientifica comprovante la loro attendibilità in diversi ambiti di applicazione sia pubblici che privati: infrastrutture di trasporto, aree urbane, zone industriali, domini

POSTAZIONI DI RILEVAMENTO DEL TRAFFICO

Le postazioni forniscono la misurazione del traffico veicolare mediante la rilevazione automatica del passaggio dei veicoli sulle sezioni di rilevazione per determinarne il numero, la velocità e la classe di appartenenza. Saranno utilizzati esclusivamente sensori di tipo non intrusivo, da posizionare sopra la corsia da monitorare, su apposite infrastrutture.

Per rilevare il transito dei veicoli, i sensori utilizzeranno una o più tecnologie
di tipo microonde, laser, infrarossi passivi, ultrasuoni o similari.

I dati per ogni singolo veicolo dovranno essere raccolti in tutte le condizioni atmosferiche e di luminosità ambientale ed in modo indipendente dalla direzione di marcia del veicolo.

Le principali caratteristiche operative dei sensori sono:

Rilevamento veicoli fermi
Conteggio veicoli
Classificazione veicoli
Velocità veicoli e per ogni veicolo transitante i seguenti dati:
Codice postazione;
Numero progressivo del passaggio;
Data (formato giorno/mese/anno) transito;
Ora (formato ora/minuti/secondi) transito;
Identificativo della corsia;
Senso di marcia (+ o -);
Classificazione veicolo, standardizzata secondo 8+1 classi previste dalla norma TLS:
Lunghezza veicolo [m];
Velocità [Km/h];
Distanza dal veicolo antecedente [ms];
Tempo trascorso dal passaggio del veicolo antecedente [ms].

POSTAZIONI METEO

Nelle vicinanze della postazione di rilevamento del traffico dovranno essere installati, su una adeguata struttura di supporto, sensori meteorologici per la misurazione dei seguenti parametri:

  • Temperatura dell’aria;
  • Umidità relativa dell’aria;
  • Direzione e velocità del vento;
  • Precipitazione;
  • Pressione atmosferica;

Dovrà inoltre essere installata una sonda stradale per il rilevamento della temperatura del manto stradale.
I dati dei sensori di misura, saranno acquisiti da una centralina per i sensori traffico oppure da centralina dedicata e raccolti in un database locale. I dati delle misurazioni verranno poi trasmessi al centro di controllo e conservati nel database centrale